ATER: BASILICATA NUOVO COMMISSARIO A METÀ. IL DIRIGENTE NON MOLLA L’INCARICO ALL’ATENEO ROMA3

r_lazio_2409

Pasquale Basilicata, annunciato come prossimo Commissario Ater Roma, ad oggi Direttore Generale dell’università degli Studi Roma Tre, sembra assumerà entrambi gli incarichi.

Come spiega però Guido Lanciano segretario romano dell’Unione Inquilini: “La Regione Lazio fa peggio della Raggi. Dopo l’assessora comunale che viene a Roma solo 4 giorni, ora la Regione Lazio nomina Commissario ATER una persona a mezzo servizio. L’indifferenza dei politici ai problemi della gente è trasversale. L’Ater dal mese di ottobre non ha più il Commissario perché la Regione non ha concesso la proroga al precedente Commissario straordinario, un giudice di alto livello che stava cercando, insieme al Direttore generale di riportare L’Ater ad una gestione corretta dopo anni di malagestione. Evidentemente alla Giunta regionale la legalità non interessa.”

Un problema non indifferente per la Regione Lazio che prossima alle elezioni oltre a non essere riuscita a trovare un Presidente per Ater, dovrà rispondere all’Agenzia delle Entrate del pesante debito Ater da corrispondere entro il 30 novembre. Una data ormai prossima alla quale si poteva arrivare preparati solo con l’intervento del Governo che avrebbe potuto risanare il debito, contratto soprattutto per la tassa Imu, già dall’unione Inquilini denunciata come inammissibile per Ater che assolve a una funzione sociale.
Dopo anni di Commissariamento il gestore di alloggi di edilizia residenziale pubblica, che andrebbe anzi rinforzato in maniera adeguata per la gestione di ulteriori altri 10 mila alloggi, senza i quali la città di Roma e i suoi abitanti arriverebbe al collasso, ha un Commissario ma è a mezzo servizio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>