Category Archives: Intervista

Massimo Pasquini: “Verso risposte concrete per chi vive con sfratto per morosità incolpevole”

pasquini

Intervista a Massimo Pasquini, Segreteria Unione Inquilini Roma, dopo l’approvazione della mozione sulla morosità incolpevole.   Alla luce dei numeri drammatici presentatati quest’estate dal ministero sugli sfratti, la graduazione si presenta come un primo tentativo di arginare il dramma? Un

Walter De Cesaris: “I comuni devono preparare degli elenchi. Il popolo degli sfrattati può prendere fisionomia, volto e corpo”

walterdecesaris

Intervistiamo Walter De Cesaris, segretario nazionale Unione Inquilini, dopo aver ricevuto il comunicato stampa e le sue dichiarazioni in merito alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della distribuzione del fondo per la “morosità incolpevole”. (Vi rimandiamo anche alle dichiarazioni di Guido

Intervista a Walter De Cesaris. “Piano casa? Un bluff. Come Unione Inquilini il nostro modello è quello del movimento dell’acqua: unire realtà differrenti”

walterdecesaris

Sul Piano Casa approvato due giorni l’insoddisfazione continua a prevalere e non sembra favorire e voler risolvere i nodi principali della sofferenza abitativa. Una sua riflessione in merito. Un piano casa, degno di questo nome, dovrebbe affrontare i due nodi

Unione Inquilini Roma: “Il 29 in piazza per lottare contro l’evasione fiscale nell’ambito delle locazioni”

3edaa5384fbd38f3411a708aa903ba70482d8334a738646b59914765_175x175

La corte costituzionale ha dichiarato illegittime le norme che sanciscono agli inquilini di denunciare affitti in nero. ancora una volta ci troviamo a confrontarci su un diritto alla casa che non favorisce gli inquilini. verso quale scenario adesso andremo incontro?

Diritto alla Casa. De Cesaris: “Occorre salvaguardare chi ha denunciato il nero”

walterdecesaris

Intervista a Walter De Cesaris, Segretario Nazionale dell’Unione Inquilini, a cura di Isabella Borghese Inquilini che denunciano il nero che denunciano il nero. Attualmente qual è la situazione? Secondo la sentenza della corte costituzionale non c’è alcuna salvaguardia per chi denuncia i