Comunicato stampa: conferenza stampa mercoledì 21 maggio alle ore 14,00 presso la sede di Stampa Romana a Piazza della Torretta 36

Care giornaliste e gentilissimi giornalisti,

 

siete invitati alla conferenza stampa mercoledì 21 maggio alle ore 14,00 presso la sede di Stampa Romana a Piazza della Torretta 36, piano primo, nella quale si affronterà il tema della recente inchiesta della Procura di Milano sulle truffe agli enti previdenziali, tra i quali l’Inpgi, l’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani che avrebbe subito un presunto danno di – almeno – 7,6 milioni. 

Alla conferenza, organizzata dalla componente di Stampa romana, Giornalisti in movimento, parteciperanno Dania Mondini, giornalista Tg1, Pierangelo Maurizio, consigliere della Fnsi, Fabrizio de Jorio, membro del direttivo di Stampa Romana, anche in rappresentanza del Comitato inquilini giornalisti Inpgi, Paolo Corsini, consigliere nazionale in rappresentanza di Fnsi l’Alternativa, Gian Marco Bardelli, analista finanziario (Gmf Finance), Massimo Pasquini e l’avv. Walter Petrucci dell’Unione inquilini.

 

Queste sono le domande – alcune – che abbiamo posto al Presidente Camporese e che attendono risposta.

 

1) E’ vero che il 23/02/2009 il presidente Camporese per conto dell’Inpgi firmava un contratto con la Sopaf per l’acquisto di quote Fip (Fondo immobili pubblici) “pari ad euro 30 milioni” a “prezzo immodificabile”, senza che nel contratto vi fosse “alcuna indicazione del valore della quota”, ma solo con l’indicazione dell’ammontare complessivo dell’investimento?

2) E’ vero che il 31/12/2008 la Sopaf aveva contrattato con la società austriaca Immowest l’acquisto di quote Fip al prezzo di 100 mila euro ciascuna?

3) E’ vero che il 3/3/2009 l’Inpgi pagava in anticipo 30 milioni alla Sopaf per l’acquisto delle quote Fip che la Sopaf, priva di liquidità, di fatto, ancora non deteneva?

4) E’ vero che solo pochi giorni dopo, cioè il 12/03/2009, la Sopaf con la somma anticipata dall’Inpgi perfezionava l’acquisto da Immowest delle quote Fip a 100mila euro ciascuna cedendole all’Inpgi ad un prezzo di circa 130mila euro ciascuna?

5) E’ vero che, nonostante le numerose condizioni di favore a Sopaf, lo sconto applicato all’Inpgi è stato del 3,34% sul valore di mercato della quota (Nav), “sensibilmente inferiore rispetto allo sconto medio del 4,2%”, secondo gli inquirenti, riconosciuto mediamente agli altri operatori?

6) Quali sono state le verifiche del Presidente Camporese e del management   

dell’Inpgi sul reale valore di mercato delle quote Fip al momento del perfezionamento dell’operazione finanziaria?

 

L’analista finanziario Gian Marco Bardelli, che ringraziamo fin d’ora, annuncerà importanti novità.

Alla luce di quanto sta emergendo – 5 anni dopo i fatti – si parlerà anche della costituzione del Fondo Immobiliare “Giovanni Amendola” e del caro affitti.   

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>