De Cesaris: “Per proroga sfratti i giochi sono aperti. Manteniamo alta la mobilitazione.” Lanciano: “Che il Pd abbia un sussulto di eticità!”

IMG_0807

Per proroga sfratti giochi sono aperti.  De Cesaris: manterremo alta la mobilitazione e la pressione sui parlamentari. Ribadita dall’Unione Inquilini necessità di una proroga. Video/Comunicato di Lanciano.

 

Si è svolto questa mattina il presidio a Monte Citorio, promosso dall’Unione Inquilini per il diritto alla casa e l’inserimento proroga sfratti nel decreto milleproroghe.

“Dagli incontri di oggi –  ha dichiarato Walter De Cesaris, segretario Nazionale Unione Inquilini – abbiamo maturato la convinzione che sulla proroga degli sfratti i giochi siano ancora tutti aperti. Da tutte le forze politiche presenti, Pd, Movimento 5 Stelle, Prc, Sel, abbiamo avuto la conferma della presentazione degli emendamenti, anche quelli proposti dall’Unione Inquilini, e la volontà di affrontare la questione.

Non era un risultato scontato  - ha aggiunto – viste le roboanti affermazioni del Ministro Lupi. Il Ministro Lupi ha infatti parlato di interventi per 800 milioni complessivi ma dal decreto attuativo del programma di recupero, non ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale, si evince che ci sono 68 milioni complessivi per il recupero di case popolari oggi inutilizzate e 30 milioni l’anno per la ristrutturazione e l’efficientamento energetico delle case di edilizia residenziale pubblica. Con piani di recupero che non partiranno prima di sei mesi.

Di fatto – si è spiegato il Segretario –  i provvedimenti tanto decantati dal Ministro Lupi ancorché assolutamente insufficienti e dotati di risorse risibili potranno produrre effetti concreti solo fra un anno. Troppo poco per basare su questi il No alla proroga che getterebbe migliaia di famiglie in forte disagio abitativo nella disperazione, in assenza di una immediata disponibilità di alloggi a garanzia del passaggio da casa a casa. L’Unione Inquilini – ha aggiunto – prende atto degli impegni presi questa mattina dalle principali forze politiche presenti alla Camera ma prosegue nella mobilitazione con altre iniziative che proseguiranno nei prossimo giorni. Contestualmente – ha concluso il Segretario – invitiamo i tutti i consiglio comunali e regionali ad approvare mozioni che chiedono la proroga degli sfratti e un vero piano caso strutturale basato sul recupero di immobili pubblici oggi inutilizzati finalizzati al passaggio da casa e a rispondere alle 650.000 famiglie collocate utilmente nelle graduatorie.

“Ci hanno assicurato – dichiara Guido Lanciano, segreteria Unione Inquilini Roma-Lazio – che faranno di tutto per inserire nel decreto mille proroghe la sospensione degli sfratti, seppure abbiano ribadito che il governo è fortemente contrario. La battaglia continua. Dobbiamo fare in modo che il Pd abbia un sussulto di eticità, che tuteli le fasce più deboli e non ricada nel ricatto della confedilizia che richiede, invece sfratti su sfratti. Nei prossimi giorni continueremo a chiedere  al Pd di non cedere a questo ricatto, di non giocare con le persone e di  votare emendamenti che alcun deputati Pd, Sel e Movimento 5 Stelle hanno presentato e che sappiamo voteranno l’emendamento”. 

Hanno partecipato al presidio tra gli altri, oltre a famiglie di sfrattati: Action, comitati di sfrattati, Sel, Prc. Nel corso della manifestazione si sono svolti incontri con deputati del Pd: Marchi, relatore al decreto mille proroghe e capogruppo Pd in Commissione Bilancio, Miccoli e Morassut; deputati del MoVimento 5 Stelle tra i quali la deputata Daga, deputati del Gruppo di Sel: Nicchi e Zaratti.

Isabella Borghese, giornalista

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>