Delibera D’iniziativa Popolare Patto Stabilità Cdp

finanza

L’Unione Inquilini è promotore e sottoscrittore delle proposte e invita tutti a firmarle nelle sedi.

PROPOSTA DI DELIBERA D’INIZIATIVA POPOLARE

Oggetto: Patto di stabilità interno e Cassa Depositi & Prestiti Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

PREMESSO

che la crisi globale, nella quale anche il nostro Paese si trova immerso ormai da diversi anni, ha provocato un drammatico impoverimento di ampie fasce della popolazione, sottoposte a perdita del lavoro, del reddito, della possibilità di accesso ai servizi, con preoccupanti segnali di diffusione di disperazione individuale e sociale;
che gli enti locali, essendo luoghi di prossimità degli abitanti, sono più direttamente coinvolti dalla drammaticità dei problemi e dei bisogni emergenti, con la necessità di mettere in campo interventi a largo raggio nel campo dei beni comuni, dei servizi pubblici, del welfare locale e della promozione di nuove opportunità di economia sociale territoriale;

CONSIDERATO

che le condizioni della finanza pubblica e gli impegni assunti in sede europea con il Patto di Stabilità e Crescita, nonché i vincoli, attraverso il Patto di Stabilità interno, posti ai vari livelli di amministrazione locale, rendono estremamente complicato fino alla concreta impossibilità, anche laddove ve ne siano le condizioni, ogni intervento volto a programmare finanziamenti in direzione delle necessarie politiche sociali e ad effettuare investimenti nel campo dei beni comuni, dei servizi pubblici e dell’economia territoriale, con la concreta possibilità di vanificazione della stessa funzione pubblica degli enti locali;

CONSIDERATO INOLTRE

che, mentre fino al 2003, gli enti locali potevano, per i propri investimenti, avvalersi di prestiti a tasso agevolato da parte della Cassa Depositi e Prestiti, ovvero l’ente di raccolta dell’ingente risparmio postale dei cittadini, oggi tale possibilità è preclusa dalla trasformazione di Cassa Depositi e Prestiti in società privatistica, i cui interventi sono esclusivamente finalizzati alla redditività degli stessi e sempre più orientati a fungere da leva finanziaria per i grandi capitali interessati alle grandi opere, alla privatizzazione
dei servizi pubblici locali e alla dismissione del patrimonio pubblico;

CONSIDERATO INFINE

che Cassa Depositi e Prestiti negli ultimi anni ha ingenerato ingenti profitti che, in parte consistente, sono stati distribuiti come dividendi agli azionisti, a fronte di una difficoltà sempre maggiore per l’accesso al credito da parte degli enti locali, nel contesto della crisi e delle politiche fiscali restrittive imposte dallo Stato;

RILEVATO

che l’art. 47 della Costituzione incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme e ne promuove la destinazione a fini di interesse generale;
che gli investimenti finalizzati alla riappropriazione e gestione dei beni comuni -a partire dalla ripubblcizzazione del servizio idrico integrato, come disposto dal referendum del 2011-, alla tutela idrogeologica del territorio, alla messa in sicurezza del patrimonio pubblico e degli edifici scolastici, alla realizzazione di opere pubbliche finalizzate all’espansione dei servizi e del welfare locale; a garantire il diritto all’abitare e al sostegno all’occupazione e alla riconversione ecologica dell’economia sono essenziali per sostenere diritti e bisogni delle comunità locali e, dal momento che il privato non promuove tali investimenti perché non redditizi soprattutto nel breve termine, possono svolgere un’importante funzione anticiclica producendo occupazione socialmente ed ambientalmente utile;
che i vincoli imposti dal Patto di Stabilità interno bloccano cifre importanti nei bilanci comunali, producendo avanzi di amministrazione e residui passivi che potrebbero essere usati per gli investimenti, impedendo agli Enti Locali, ed in particolar modo ai più virtuosi, di utilizzare le risorse a disposizione per la realizzazione di opere sempre più necessarie;
che in particolare il vincolo del 4% della spesa generale per il pagamento degli interessi sul debito non consente anche agli enti locali più virtuosi di accendere nuovi mutui, mentre i nuovi vincoli imposti dal Patto di Stabilità interno anche ai Comuni sotto i 5.000 abitanti collegano ulteriormente gli investimenti ai vincoli generali imposti sulla spesa corrente;
che, nonostante la radicale trasformazione cui è stata sottoposta la Cassa Depositi e Prestiti,rimane in vigore quanto stabilito dall’art.10 del D. M. Economia del 6 ottobre 2004 che così recita : “ I finanziamenti della Cassa Depositi e Prestiti rivolti a Stato, Regioni, Enti Locali, enti pubblici e organismi di diritto pubblico, costituiscono ‘servizio di interesse economico generale’ “.

RITENUTO

che non sono ulteriormente sopportabili politiche di austerità che scaricano gli oneri del peggioramento dei conti pubblici sugli enti locali, vanificandone la funzione pubblica e sociale, soprattutto d fronte al drammatico peggioramento della condizione di sempre più vaste fasce di popolazione;
che beni comuni come l’acqua, il territorio, l’energia e i rifiuti, i servizi pubblici essenziali come quelli deputati a garantire un welfare locale di qualità, e gli interventi per favorire un’economia sociale territoriale siano essenziali per le comunità locali e non possano in alcun modo essere sottratti alla stessa, condizionandone la fruizione da parte di tutti i cittadini e limitandone la piena partecipazione al loro governo e alla loro gestione democratica;

DELIBERA

1) di rivolgere formale e ufficiale richiesta al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Governo e al Parlamento di modifica del Patto di Stabilità interno in direzione dell’immediata esclusione dal perimetro dei vincoli relativi di tutti gli investimenti finalizzati alla realizzazione dei servizi essenziali alla comunità e riconducibili alle categorie dei beni comuni e del welfare locale;
2) a rivolgere formale e ufficiale richiesta al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Governo e al Parlamento di ripristino, a partire dalla trasformazione in ente di diritto pubblico, dell’originale funzione sociale della Cassa Depositi e Prestiti, quale ente finanziatore a tassi agevolati degli investimenti degli Enti Locali;
3) di avviare formale negoziato per la rinegoziazione di tutti i mutui attivi contratti da Roma Capitale con Cassa Depositi e Prestiti prima dell’ingresso dell’Italia nell’area Euro, finalizzato ad ottenere sconti di almeno 200 punti base e poter utilizzare le conseguenti risorse aggiuntive per investimenti necessari e urgenti;
4) di farsi portavoce in ogni sede istituzionale e in sede ANCI, di quanto previsto ai commi 1) e 2) della presente deliberazione;
5) di convocare, entro due mesi dall’approvazione della presente deliberazione, un Consiglio Comunale aperto, in modo da aprire il confronto con l’intera cittadinanza su questi temi e sulle possibili azioni da intraprendere.

rimandiamo al sito per ulteriori approfondimenti cliccando qui

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>