LA RESISTENZA PAGA! Sfratto rinviato per una famiglia

a282952b7eba47cbc3f37bdbe206484ff1dc8ff880c68d3e81ca4c84
Il 20 gennaio, in città è stata organizzata la resistenza a uno sfratto. Anna con il COMITATO CONTRO LA PRECARIETA’ CENTRO STORICO si è ritrovato sotta casa sua, con l’obiettivo e il risultato di ottenere un rinvio.
L’appuntamento era alle prime ore del mattino, e davvero tante sono state le persone arrivate in aiuto, tra cui anche parecchi cittadini prossimi allo sfratto, che già hanno resistito in passato, o che non hanno intenzione di lasciare la loro casa.
Chi perde il lavoro perde la casa e la storia di questa famiglia è davvero emblematica: il Vaticano, attraverso dei Monsignori, ha permesso ad Anna di ristrutturare la casa, di farla più bella, ma adesso che il centro storico di Roma è sempre più in mano a banchieri e prelati, il Vaticano ha deciso di non rinnovare il contratto d’affitto ad Anna, che si è così ritrovata sotto sfratto, insieme al padre cardiopatico di 83 anni. Dopo una lunga attesa, verso le 11 abbiamo ricevuto la notizia che lo sfratto è stato rinviato, senza la visita dell’ufficiale giudiziario.
In passato, per altre persone si è già verificato un fatto di questo tipo: ciò significa condannare lo sfrattato per giorni, settimane o mesi a vivere nell’ansia di non sapere se il giorno successivo potrà ancora avere un tetto sopra la testa. BLOCCHIAMO GLI SFRATTI!

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>