Marino regala immobili alla polizia. Unione Inquilini Roma: “Schiaffo alla città!”

pasquini

Il Sindaco di Roma, Ignazio Marino, sceglie di regalare dieci immobili alla polizia e Massimo Pasquini, sindacato Unione Inquilini Roma, contrasta questa notizia con forza.

“E’ uno schiaffo alla città – dichiara Pasquini. – Roma oggi più che mai vive un momento di precarietà abitativa molto forte senza che dall’amministrazione capitolina arrivi alcuna risposta adeguata: mentre non si procede con la graduazione degli sfratti né si procede con la lista per l’assegnazione di case popolari si verificano solo sgomberi e gli sfratti sono in aumento. E’ imbarazzante -aggiunge – che la donazione di questi immobili non rientra all’interno di un percorso più complessivo sul recupero degli immobili inutilizzati di proprietà comunale, dove possono trovare spazio diverse necessità”. 

Ma torniamo alla notizia annunciata da Marino.

“L’altro ieri sera ho trasmesso una lettera ufficiale al viceministro dell’Interno, Filippo Bubbico, con l’elenco dei primi dieci immobili che abbiamo già individuato insieme al vicesindaco Luigi Nieri”. La cessione in comodato d’uso gratuito rientra all’interno dell’intesa tra Roma Capitale e il Viminale.

Per entrare nel merito degli immobili Marino ha chiarito che “Ci sono per esempio due ex scuole non più necessarie a fini didattici, a via Tedeschi e a via Appiani, e un edificio reso libero dai Vigili urbani a via Canzone del Piave. In questo momento siamo entrati in una fase operativa, dove abbiamo già trasmesso questo elenco al viceministro dell’Interno che stamattina ho incontrato personalmente al Viminale: loro sono assolutamente pronti a rendere fattiva questa collaborazione”.

Per la spesa dell’affitto il Comune spenderebbe 70 milioni di euro in cinque anni. Una scelta, a quanto pare, che secondo il Sindaco di Roma costituisce un vero “aiuto materiale ed economico al Governo”. Invece dell’affitto, infatti, “il piano” prevederebbe “più uomini e auto delle forze dell’ordine nei nostri quartieri – spiega Marino. – Un segno concreto contro le piaghe che affliggono la città, dallo spaccio di droga all’abusivismo commerciale.  Queste strutture su nominate – aggiunge – entrando nella disponibilità delle forze dell’ordine, permettono al Ministero dell’Interno di risparmiare decine e decine di milioni di euro di affitti. In cambio noi non chiediamo l’affitto, chiediamo più sicurezza, quindi più uomini, più donne, più automobili delle forze dell’ordine nei nostri quartieri. Insomma – chiude il primo cittadino – ci aspettiamo un segno concreto dell’aumento della sicurezza”.

a cura di Isabella Borghese

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>