Mini proroga? Piove sul bagnato! Si può richiedere solo con ricorso al giudice oneroso, ma non è certa la concessione!

3edaa5384fbd38f3411a708aa903ba70482d8334a738646b59914765_175x175

Una proroga di 4 mesi scandalosa quella degli sfratti per finita locazione. Vari i motivi che inducono a questa affermazione. Intanto abbiamo già preso atto della rabbia e delle dichiarazioni di ieri di Walter De Cesaris, e invitato gli inquilini a recarsi in sede per acquisire ogni informazione pertinente e in modo dettagliato.

C’è da aggiungere e specificare che, qualora gli inquilini volessero usufruire di questa proroga, dovrebbero rivolgere un’istanza, a pagamento, al giudice che avrebbe poi la facoltà di disporre o negare la sospensione fino ai 4 mesi, a partire dalla data di conversione in legge del decreto milleproroghe.

Non si prevede il passaggio da casa a casa.

Si prevede, invece, un contributo economico piccolo (pare di 25 milioni di euro per il solo 2015 e per l’intero territorio nazionale), non si sa di quanto e solo per l’anno in corso.

Chiaramente, prima, occorre sperare che queste categorie più deboli, di anziani, malati terminali, portatori di handicap, o in presenza di minori con reddito da 0 a 1500 euro netti, abbia la fortuna di trovare un proprietario disposto a stipulare un contratto di locazione senza nessuna garanzia e sull’erogazione effettiva del contributo.
E sul tempo di erogazione di questo contributo? Questo è l’iter: le risorse vengono prima ripartite tra le Regioni, poi assegnata ai Comuni, responsabili della predisposizione di bandi, con graduatorie relative, possibilità di ricorsi…

Insomma, non si può prevedere che possa essere concluso nei termini di sospensione decisi dal giudice.

Le famiglie di cui sopra con sfratto per finita locazione non sono protette in nessun modo perché il decreto non è ancora diventato legge.

E lo saranno ancora se i tempi di attuazione delle procedure così complesse saranno più lunghe dei tempi stabiliti dal giudice o se gli importi corrisposti per il 2015, a fronte di nuovi contratti della durata minima di tre anni, non fossero sufficienti o adeguati, come è presumibile che sia.

Gli sfratti per finita locazione andranno avanti fino a decisione diversa da parte del giudice o fino all’entrata in vigore della legge, si presume i primi di marzo.

 

i.b.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>