Mozione per la dismissione del patrimonio Inps

inps

La dismissione del patrimonio Inps è ripresa senza tenere conto delle tutele previste dalla Legge 410 del 2001. Per questo Unione Inquilini insieme al Sunia nel precedente tavolo convocato dall’INPS si è rifiutata di firmare la lettera indirizzata agli inquilini.

Senza le tutele non possiamo considerare alcuna ipotesi di collaborazione.  La mozione concertata ora con Roberto Morassut è stata approvata dall’assemblea degli inquilini di Tuscolana svoltasi martedì 5 dicembre.  Ora saranno le famiglie di Magliana a discutere la mozione che segue per poter procedere a richiedere le garanzie necessarie.

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Al Ministro del Tesoro

Al Ministro del Lavoro

Ai capigruppo parlamentari

Al Presidente dell’INPS

Governo e Parlamento hanno più volte deliberato che il processo di alienazione del patrimonio immobiliare ad uso residenziale degli Enti Previdenziali Pubblici, oggi tutto riunificato sotto l’INPS, venisse ripreso nel pieno rispetto delle regole, delle garanzie e delle tutele previste dalla Legge 410 del 2001.

Dopo circa 10 anni di stallo e dopo che il tentativo di operazioni finanziarie come il conferimento ai fondi immobiliari è stato sconfitto, finalmente l’INPS si appresta a riprendere il processo di vendita diretta agli inquilini secondo le garanzie del prezzo stabilite dalla legge.

Non si può però non tenere conto del degrado degli immobili che si è accumulato in questi anni di totale assenza gestionale dell’Istituto né del fatto che, rispetto alla precedente fase di vendita attraverso la SCIP, mancano strumenti come i mutui agevolati, in una situazione generale di impoverimento, che in questi 10 anni si è acuita in maniera drammatica.

Tra le regole e le tutele previste dalla Legge 410 del 2001 vi era quella fondamentale del rinnovo del contratto per 9 anni per chi non può comprare a causa del basso reddito.

L’INPS, con una interpretazione capziosa delle norme, che contrasta con lo spirito della Legge e la volontà espressa da Governo e Parlamento, ha predisposto una lettera di opzione per gli inquilini, non concordata con le OO. SS., che non riconosce questa fondamentale tutela.

Infine, l’INPS vuole imporre, senza alcuna trattativa sindacale, canoni di mercato insostenibili ai conduttori irregolari che, sulla base della Legge, hanno diritto alla regolarizzazione, facendo l’opposto di quanto il medesimo Istituto fece nella precedente regolarizzazione, violando i principi di imparzialità e uguale trattamento della Pubblica Amministrazione e contraddicendo quanto previsto dalla Convenzione Nazionale per l’Affitto, che impone agli Enti Pubblici l’affitto sulla base degli accordi sindacali.

L’assemblea chiede a tutti gli organi in indirizzo di intervenire affinchè la ripresa del processo di vendita avvenga effettivamente con il rispetto di tutte le regole, garanzie e tutele previste dalla Legge.

In particolare:

  • Che nei prezzi di vendita, che per tutti coloro che ne hanno diritto sono riportati al 2001, si tenga in dovuto conto il degrado degli immobili dovuto a questi anni di incuria e abbandono seguenti alla conclusione del processo di cartolarizzazione e al fallimento della SCIP
  • Che vengano reintrodotti strumenti agevolativi utili, quali i mutui agevolati
  • Che vengano impartite immediate e impegnative direttive all’INPS per la tutela delle fasce deboli, chiarendo in modo inequivoco che i 9 anni di rinnovo del contratto alle medesime condizioni decorrono dalla eventuale vendita o conferimento a terzi
  • Che la regolarizzazione, per quanti ne hanno diritto sulla base della legge, avvenga in modo analogo a quanto l’Istituto ha fatto in precedenza, con riferimento esclusivo ai canoni derivanti dagli accordi sindacali.

L’assemblea dà mandato alle OO.SS. di intraprendere le opportune iniziative qualora le suddette condizioni non vengano rispettate.

2 Responses to Mozione per la dismissione del patrimonio Inps

  1. carlo scrive:

    Chi l’avrebbe detto che ci avrebbero fatto rimpiangere Fanfani !

  2. Paolo De santis scrive:

    Venderanno anche calpurnio pisone 80? Che si può fare?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>