NESSUNA SCUSA!!! BASTA FAMIGLIE SENZA RISCALDAMENTO NELLE CASE COMUNALI. I FONDI PER L’EFFICIENTAMENTO ENERGETICO CI SONO

qjpfvXSv_400x400

Troppe famiglie anche quest’anno vivono al freddo nella propria casa popolare. Dopo la bocciatura della mozione della consigliera Celli, che chiedeva la sospensione del pagamento degli oneri accessori non goduti, dobbiamo batterci per l’efficientamento energetico. Oggi probabilmente sarà posta ai voti la mozione del consigliere Stefano Fassina ispirata da Unione Inquilini per l’efficientamento energetico, ci aspettiamo dal Comune di Roma maggiore attenzione e capacità nell’affrontare un problema che coinvolge molti Inquilini degli alloggi popolari. Al Comune di Roma non perdoneremo certo di mancare l’occasione, come si è rischiato di fare con i 21 milioni del bando regionale.

A Roma abbiamo circa 188 impianti di riscaldamento centralizzati negli alloggi di edilizia residenziale pubblica evidentemente obsoleti, quindi inquinanti, di difficile manutenzione e dai costi molto elevati. 

Il Governo ha stanziato 250 mila euro, prima tranche di un finanziamento quinquennale, 

ora la palla passa al Comune che entro il 15 settembre dovrà far partire i lavori. Si tratta di un primo stanziamento che interessa le case comunali e auspichiamo possa poi essere incrementato e estendersi a tutte le case popolari. Una soluzione importante per gli inquilini e per l’ambiente perché queste vecchie caldaie inquinanti possano essere sostituite con impianti ecologici. 

A febbraio iniziato purtroppo ancora ci sono a Roma delle famiglie senza riscaldamenti, abbiamo delle risorse che possono risolvere il problema. 

Non possiamo più aspettare! Per questo invitiamo gli inquilini delle case comunali a contattarci alla sede di via Cavour 101 al numero 06. 47.45.711 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>