Piano Casa. Walter De Cesaris: “Soddisfazione per approvazione emendamento presentato da Pd e Sel”

walterdecesaris

Sul Piano Casa l’Unione Inquilini non arresta il suo impegno e la sua battaglia per migliorare le condizioni degli inquilini.

“Esprimiamo la nostra soddisfazione per l’approvazione dell’emendamento presentato dal Pd e da Sel – dichiara Walter De Cesaris, Segretario Nazionale Unione Inquilini – con il quale da una parte si prosegue nelle vendite delle case dell’Inps con i prezzi e le tutele della legge 410/2001 anche se questi alloggi passano a fondi di investimento immobiliare, dall’altra l’emendamento prevede la sanatoria degli occupanti senza titolo al 31 dicembre 2013″.

Si tratta, va detto, dopo il successo della manifestazione del 29 aprile di un’altra vittoria per il sindacato della casa e soprattutto per la tutela dei diritti degli inquilini Inps e degli occupanti senza titolo.

“L’Unione Inquilini mantiene sempre gli impegni presi! – conferma il Segretario – Ora attendiamo il voto in Aula del Senato che ratifichi definitivamente l’emendamento approvato dalle commissioni. Nei prossimi giorni promuoveremo assemblee in tutti i caseggiati Inps per far conoscere nei dettagli l’emendamento approvato.”

A seguire il testo approvato dalle commissioni riunite VIII e XIII del Senato all’As 1413, decreto legge piano casa Lupi, nella seduta notturna del 6 maggio 2014
1-bis. Agli immobili oggetto di conferimenti o trasferimenti dei patrimonio abitativo dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, a uno o più fondi comuni di investimento immobiliare di cui al decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 5 febbraio 2014 , continuano ad applicarsi le normative previste dai commi da 3 a 20 dell’articolo 3 del decreto-legge 25 settembre 2001, convertito con modificazioni dalla legge 23 novembre 2001, n. 410.
1-ter. Al fine di accelerare il processo di dismissione del patrimonio suddetto ai conduttori, il termine previsto dal comma 1 dell’articolo 7-bis del decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203, convertito con modificazioni nella legge 2 dicembre 2005, n. 248, è prorogato al 31 dicembre 2013.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>