Sindacato incontra Presidente Municipio XIV. “Assessorato inefficiente”

diritto-alla-casa

Oggi pomeriggio, una delegazione dell’Unione Inquilini è stata ricevuta dal Presidente del Municipio Roma 14, Valerio Barletta e dalle presidente delle commissioni speciali Casa Sonia Luche ed Affari Sociali Silvia Ascani.

Abbiamo illustrato, in dettaglio, il senso di alcune delle nostre critiche all’operato dell’Assessorato alla Casa e del Dipartimento politiche abitative.

In generale, ci è sembrato doveroso porre all’attenzione del Municipio la evidente contraddizione tra i teorici “buoni propositi” di legalità e di giustizia della giunta Marino e la totale inefficienza che ha impietosamente contraddistinto finora l’azione dell’assessorato e dei suoi uffici tecnici. 

Abbiamo chiaramente evidenziato come sia “impossibile pretendere dai cittadini un comportamento virtuoso e rispettoso delle regole, laddove invece queste regole non funzionano e le istituzioni appaiono del tutto non all’altezza propri compiti”.

Da oltre cinque anni, le graduatorie per l’assegnazione di case popolari sono bloccate e le poche assegnazioni fatte ancora oggi, avvengono in base a una situazione “fotografata” oltre cinque anni fa! Da oltre cinque anni, nessun cittadino romano ha potuto ottenere legalmente un alloggio popolare: e poi ci si lamenta delle occupazioni!

In dettaglio, queste sono le richieste che abbiamo avanzato al Municipio e che il Presidente Barletta si è impegnato ad accogliere:

1. richiedere l’immediata pubblicazione delle graduatorie di assegnazioni di alloggi ERP, così da garantire l’avvio di un nuovo piano di assegnazioni conseguente alle situazioni di “priorità” individuate con la nuova graduatoria.
In tal senso e come fattivo segnale di “buona volontà” lo stesso Municipio potrebbe destinare a Roma Capitale e all’ATER Comune di Roma quegli stabili attualmente nelle sue disponibilità ora inutilizzati e riconvertibili ad uso abitativo;

2. pretendere un impegno, da parte del Sindaco, affinché la Prefettura di Roma garantisca una sospensione delle procedure di sfratto per “morosità incolpevole” per i soggetti in possesso dei requisiti previsti e che abbiano inoltrato apposita richiesta nei tempi e nei modi previsti dalla delibera.
Inoltre, chiediamo che il municipio si adoperi per dare la più ampia pubblicità alla delibera sulla “morosità incolpevole” e affinché gli operatori dei servizi sociali operanti nel territorio possano efficacemente sostenere una prevedibile maggiore mole di richieste;

3. chiedere che siano immediatamente erogati i contributi previsti per il “buono casa 2011” e che il Dipartimento Politiche Abitative di Roma Capitale fornisca chiare indicazioni circa i fondi a disposizione per il nuovo bando appena chiuso (bando 2013) e su quante potranno verosimilmente essere le richieste ammissibili al pagamento con tali fondi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>