Storia di un’assegnazione, senza propaganda del Comune di Roma

logo Unione Inquilini

https://youtu.be/eXvynCqghN0

Vogliamo raccontarvi una storia vera, al di fuori della propaganda che ci sembra veramente puerile quando si strumentalizzano persone, famiglie con minori, per il proprio tornaconto politico.

La persona intervistata in questo video, tesserata all’unione inquilini, è la stessa che ha raccontato qualche giorno fa alle telecamere del Comune di Roma il suo iter per l’assegnazione della casa popolare. Video che però, come denunciato dallo stesso, ha omesso le parti più significative per esaltare invece l’operato dell’Assessorato Rosalba Castiglione e dell’intera Giunta della Sindaca  Virginia Raggi.

Quando iniziamo a girare infatti Simone ci chiede di non tagliare l’intervista come è stato fatto nella precedente rilasciata al Comune! Quindi anche se con ripetizioni questa è la storia, quella Onesta in cui un padre vuole sottolineare come senza l’aiuto dell’unione inquilini la sua famiglia non avrebbe mai preso casa popolare. Vuole denunciare come la domanda di casa popolare sia di difficile compilazione, di come si sia rivolto ai nostri sportelli per avere riferimenti che non si trovano negli uffici del Dipartimento delle politiche abitative in endemica carenza di personale nonostante la mole di lavoro ben al di sopra delle capacità dei lavoratori.

Simone si è rivolto presso il nostro sportello di via Cavour dove ha incontrato il nostro infaticabile Fabrizio Ragucci che ha seguito la compilazione e l’invio della domanda inizialmente accettata con l’attribuzione di soli 31 punti. Negli uffici preposti infatti per una lettura ottusa si continuano a richiedere i redditi del 2012, anno di avvio del bando aperto, e periodo in cui la mamma di questa famiglia aveva soli 17 anni! Dopo la richiesta e lungaggini burocratiche, tutte seguite da Fabrizio Ragucci, ecco il punteggio pieno che di diritto spetta a questa famiglia.

Finalmente la casa popolare! Come Unione Inquilini siamo felici di aver vinto una battaglia, ma siamo consapevoli di essere lontani dalla vittoria. Ci sono a Roma almeno altre 10 mila famiglie che avrebbero diritto a un alloggio ma per le quali nessuno è ancora in grado di pianificare delle politiche abitative in grado di guardare in faccia la realtà. Si perché nonostante la propaganda il numero delle assegnazioni è pari all’anno precedente.

Un’ultima cosa, la famiglia protagonista di questo video ci teneva a sottolineare che nel bando non c’è alcuna agevolazione nei riguardo dei cittadini extracomunitari! E che la mamma è di origine straniera, ma questo non cambia nulla. Ora, com’è loro diritto, sono assegnatari di casa popolare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>