Case popolari all’asta? De Cesaris: “Atto spregevole ai danni dei più poveri”

walterdecesaris

Case popolari all’asta. L’intervista a Walter De Cesaris, a cura di Isabella Borghese, giornalista

Case popolari all’asta. Sarebbe questo il contenuto dello schema di decreto che il governo ha inviato per il concerto alla Conferenza Unificata.

Un contenuto che ha scatenato il dissenso dell’Unione Inquilini. Walter De Cesaris, Segretario Nazionale, parla chiaro: “Il governo vuole fare macelleria sociale con i più deboli”. E’ questo che non si può tollerare, che i più deboli debbano per lo più sempre subire e vivere con un diritto alla casa che non li tutela.

“E’ come volere fare cassa svaligiando le cassette delle offerte in chiesa – spiega De Cesaris – Un atto spregevole perché ai danni dei più poveri e miserabile. Alla fine si tratta di spiccioli, gocce nel mare del debito pubblico. L’Italia ha un offerta di abitazioni sociali pari al 4% dell’intero patrimonio abitativo a fronte di una media europea che è intorno al 16% e sono 700 mila le famiglie, certificate dai comuni, ancora in attesa dell’alloggio popolare di cui avrebbero diritto. Nel frattempo – continua – crisi e disoccupazione fanno strage anche nel comparto casa: gli sfratti sono in continuo aumento, 220 mila solo negli ultimi 3 anni, e in particolare quelli per morosità crescono in maniera esponenziale. Sono ormai il 90% degli sfratti emessi.

Possiamo dire che il governo dimostra di voler far cassa sulla pelle delle persone più povere?

“Il governo – spiega il Segretario – dovrebbe pensare a  riqualificare e incrementare il patrimonio pubblico per rispondere alla sofferenza abitativa strutturale che ormai riguarda l’intero territorio nazionale e non solo le grandi aree urbane. Invece – aggiunge – risulta che il governo abbia recentemente inviato alla Conferenza Unificata lo schema di decreto per dettare nuove regole di alienazione del patrimonio degli IACP, comunque denominati, in pratica il sistema delle case popolari, come previsto dall’articolo 3 della Legge 80 del 2014, quella che il governo, non senza involontaria ironia, ha chiamato misure contro il disagio abitativo.

E quale sarà la conseguenza di questo decreto? “Il folle disegno del governo consiste nell’introdurre per la prima volta il principio che le case popolari si vendono all’asta pubblica, partendo dal prezzo di mercato. Si tratta di un disegno folle. Si rivelerebbe un ennesimo grande favore alla rendita immobiliare speculativa: evidentemente gli alloggi situati in aree di pregio potrebbero essere appetibili e valorizzarsi mentre quelli in aree degradate riscuoterebbero interesse zero, svalorizzandosi ulteriormente.

Questo significa che il sistema delle case popolari si trasformerebbe.  De Cesaris lo chiarisce meglio: “Il sistema delle case popolari sarebbe trasformato ancora più di quanto è adesso in “bad company””.

Ovvero? “Tanto per essere ulteriormente espliciti, a favore della speculazione, – spiega il Segretario – si afferma addirittura che gli stabili definiti fatiscenti o per i quali i costi di gestione sono considerati troppo onerosi possano essere ceduti in blocco. Non illuda che si dica che il ricavo delle vendite dovrebbe essere interamente investito in nuove abitazioni popolari. Sappiamo bene come tale previsione sia stata spesso aggirata per esempio per i residui Gescal e, in ogni caso, è ormai un dato assodato dei processi di dismissione immobiliare: il saldo è sempre negativo, se ne dismettono almeno 3 per costruirne o acquistarne 1 nuovo”.

“L’Unine Inquilini – conclude Walter De Cesaris – chiede che questo schema di decreto venga ritirato e che Regioni e Comuni lo dichiarino irricevibile, anche perché interviene su materie che la Costituzione assegna loro in maniera esclusiva.”

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>